Ascensori intelligenti e più sicuri grazie all’IoT

Un milione di ascensori in servizio, cento milioni di corse quotidiane, un mercato che vale 2,4 miliardi di euro, 23mila addetti in oltre 1500 imprese. Sono i dati, elaborati da ANIE AssoAscensori (Federazione che riunisce le aziende che progettano e costruiscono ascensori, montacarichi, scale e marciapiedi mobili, montascale e piattaforme elevatrici), che definiscono in modo chiaro il peso dell’Italia nell’industria degli ascensori. In termini economici, il comparto può certamente essere annoverato tra i casi di maggior successo della nostra imprenditorialità.

Insomma, quello degli ascensori è un settore in fermento, che lavora molto su innovazione e tecnologia, legato a filo doppio con l’evoluzione delle smart city. Non si può ignorare, infatti, che se un ascensore di ultima generazione consuma il 27% in meno di energia elettrica rispetto ad un modello di trent’anni fa, l’efficienza può essere ancora maggiore grazie alla scelta di materiali sostenibili e dell’elettronica intelligente.

Smart city significa prima di tutto smart building, un settore molto dinamico che sta crescendo in modo esponenziale. Secondo il report redatto dall’Energy&strategy group della School of Management del Politecnico di Milano, attualmente il mercato italiano è a quota 3,6 miliardi di euro di valore e le previsioni sono di un’ulteriore crescita del 30%. Il settore dello smart building fa da traino alla crescita del mercato degli ascensori, confermando la leadership del nostro Paese in questo importante ambito tecnologico.

Per rispondere alle nuove esigenze degli smart building, una soluzione altamente innovativa è KONE 24/7 Connected Services™: l’offerta di manutenzione intelligente di KONE, azienda leader globale nella produzione, manutenzione e ammodernamento di ascensori, scale e tappeti mobili. Grazie all’intelligenza artificiale, KONE 24/7 Connected Services™ prevede e previene i malfunzionamenti, consentendo di raggiungere l’efficienza massima in termini di continuità di funzionamento di tutti gli impianti, anche non KONE. Attraverso sensori installati sugli ascensori e sulle scale mobili, questi vengono monitorati raccogliendo e analizzando i dati sull’operatività in un ciclo continuo, per raggiungere tre obiettivi principali: rilevare e segnalare un’anomalia appena si verifica, prevedere e prevenire un fermo impianto con l’analisi dell’efficienza dei singoli componenti (anche quelli non visibili a occhio nudo), analizzare le performance dell’impianto nel tempo sulla base dei dati raccolti.

KONE 24/7 Connected Services™ non si limita a reagire agli eventi, ma usa la manutenzione predittiva, grazie alla capacità di “auto apprendimento” dell’intelligenza artificiale che permette di imparare a prevedere con sempre maggiore precisione gli scenari che possono condurre al fermo dell’ascensore e migliorare di continuo l’attività di prevenzione dei guasti. Da oltre 100 anni, KONE si occupa di People Flow™, il flusso delle persone all’interno degli edifici pubblici e privati: movimento continuo, comfort, efficienza e sicurezza sono standard imprescindibili per migliorare la vita urbana.

I big data, gli analytics ed il machine learning uniti all’IoT consentono oggi di programmare gli interventi di manutenzione in modo che siano mirati e soprattutto ad anticipare il verificarsi di eventuali guasti. Dal lancio del servizio, KONE ha collegato centinaia di migliaia di ascensori in tutto il mondo e grazie all’implementazione del machine learning si sono ridotte sensibilmente le segnalazioni dei malfunzionamenti che hanno avuto come conseguenza un abbassamento di circa il 20% dei guasti imprevisti.

Intelligenza artificiale al servizio della conoscenza ed esperienza dell’uomo. Un binomio vincente.

Vedi anche  Pozzetto condominiale otturato: a chi affidare lo spurgo dei pozzi neri?

Potrebbero interessarti anche...